Si informa che questo sito utilizza cookie anche di profilazione (di terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione. Se si desidera saperne di più leggere e se si vuole negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccare qui. Continuando con la navigazione si acconsente all' utilizzo dei cookie. X

Aggiornamento Zanzibar

FONTE: Sito del Ministero degli Affari Esteri: www.viaggiaresicuri.it/*

ZANZIBAR

 

Valido al 05.10.2017, pubblicato il 28.08.2017 - (FONTE Sito del Ministero degli Affari Esteri: www.viaggiaresicuri.it/*

INDICAZIONI GENERALI: Nel confronto con altri Paesi africani la Tanzania è relativamente sicura ma richiede il mantenimento di un’alta soglia di attenzione a causa di una diffusa microcriminalità e di pericoli non sempre evidenti (per esempio affidarsi a guide inesperte). 
La cordialità della popolazione e l’assenza di evidenti misure di sicurezza nelle città possono ingenerare un falso senso di sicurezza. 
Anche se la situazione politica interna è stabile si consiglia di esercitare cautela e di tenersi lontani da manifestazioni e da ogni tipo di assembramento a carattere politico.
L’arcipelago di Zanzibar, formato dall’isola principale di Unguja, dove si trova la città storica di Stonetown e si concentrano quasi tutti i resort turistici, e dall’isola di Pemba, poco frequentata dal turismo, è interessato da una storica contrapposizione tra il partito al governo (CCM, Partito della rivoluzione) e l’opposizione (CUF, Civic United Front), che ha boicottato per protesta le ultime elezioni di marzo 2016. La situazione è al momento tranquilla ma si raccomanda comunque di esercitare la massima prudenza in caso di manifestazioni politiche.
Persistono nelle aree urbane frequenti episodi di criminalità comune per cui si consiglia di esercitare adeguata cautela nei luoghi pubblici solitamente frequentati da stranieri, come alberghi, ristoranti, discoteche, cinema e centri commerciali, soprattutto, ma non solo, dopo il tramonto. 
(...) Il Paese è generalmente ospitale e tollerante verso le diversità religiose ed etniche ma non va dimenticato che i costumi tradizionali, sia della popolazione cristiana che musulmana, sono piuttosto conservatori sugli aspetti sessuali. Si consiglia di mostrare sempre rispetto per la cultura locale, soprattutto nell’arcipelago di Zanzibar, quasi interamente musulmano, in particolar modo durante il Ramadan. L’isola di Pemba è relativamente più conservatrice della gemella Unguja.
Atti di pirateria restano possibili nel Golfo di Aden e nell'Oceano Indiano. In passato attacchi si sono verificati fino a 1000 miglia nautiche dalla costa della Somalia e nelle acque al largo della Tanzania. Si consiglia a coloro che intendano navigare in queste zone, fare pesca sportiva di alto mare o effettuare immersioni subacquee, di esercitare la massima prudenza.
La Tanzania condivide con il resto del mondo la crescente esposizione al rischio del terrorismo internazionale. 
AVVERTENZE
Si consiglia di:
-    registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare sul sito DoveSiamoNelMondo;
-    stipulare un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre la totale copertura delle spese mediche (ricovero in ospedale compreso), anche un eventuale rimpatrio aereo in Italia o trasferimento sanitario d’emergenza in altro Paese. Un’eventuale evacuazione sanitaria d’urgenza è possibile solo in aereo da Dar es Salaam, da Arusha (Aeroporto Internazionale) o Zanzibar per l’Europa, per il Kenia o per il Sud Africa;
-    controllare con attenzione le garanzie sanitarie, in caso di acquisto di un pacchetto viaggio organizzato da tour operator;
-    spostarsi in compagnia di persone che conoscono i luoghi e la lingua;
-    privilegiare strutture alberghiere che prevedano la presenza di servizi di sicurezza privati e di una certa dimensione, questi ultimi in genere protetti da un maggior numero di guardiani e non utilizzare l’ ”Ostello della gioventù”, per evitare il rischio di scippi ed aggressioni soprattutto nelle ore serali; 
-    dopo il tramonto muoversi in auto o con taxi fidati, evitando di camminare a piedi e da soli;
-    non mostrare oggetti di valore, telecamere, cellulari o portafogli soprattutto se si cammina a piedi nelle zone del centro;
-    evitare, se possibile, il mercato di Kariakoo a Dar es Salaam;
-    esercitare cautela nelle spiagge libere, nei luoghi isolati, nelle principali strade di collegamento tra i grandi centri urbani ed in particolare nella strada di collegamento Arusha-Nairobi;
-    di prestare la massima attenzione anche nel centro delle principali città, con particolare riguardo alle zone commerciali e a quelle delle banche;
-    evitare i viaggi nella regione di Kigoma, ovest di Kagera, nelle aree a nord e a nord-ovest del Paese, nei pressi dei campi profughi e ai confini  con il Ruanda, il Burundi e la Repubblica Democratica del Congo, a causa della presenza di bande armate;
-    non trattare con commercianti ambulanti sulle spiagge (beach boys);
-    valutare con opportuna prudenza le offerte di organizzazione di “safari” che non provengano da agenzie conosciute e specializzate nel settore;
-    richiedere guide munite di radio quando ci si reca nei parchi;
-    non spostarsi con automezzi pubblici visto il quotidiano ripetersi di incidenti stradali  mortali causati dall’alta velocità, dalla bassa qualità del manto stradale e dalla vetustà e scarsa manutenzione del parco auto;
-    evitare i mezzi di trasporto collettivo in città a causa dei frequenti furti;
-    adottare molta prudenza nella guida, specialmente sulle strade sterrate che sono particolarmente pericolose;
-    non superare la velocità di 60 - 70 km/h poiché si potrebbe rimanere vittime di gravi incidenti, anche mortali (fondo stradale sdrucciolevole (sabbia e/o ghiaietto), rischio di scoppio di pneumatici per la presenza sul terreno di piccoli quarzi, attraversamento improvviso di animali);
-    astenersi dall’utilizzare traghetti che sembrano essere in evidente cattivo stato di manutenzione o sovraccarichi. In tal caso, si consiglia di  organizzare la prosecuzione del viaggio con mezzi di trasporto alternativi. 
Sono frequenti i tentativi di truffa perpetrati ai danni di cittadini stranieri, anche italiani, che arrivano in Tanzania ed a Zanzibar con lo scopo di realizzare investimenti immobiliari e/o di acquistare minerali o pietre preziose (oro, rame, diamanti, ecc.). Per questo motivo si consiglia a tutti coloro che siano interessati a concludere affari in questo Paese di chiedere preventivamente informazioni utili al competente Ufficio Commerciale dell’Ambasciata d’Italia in Dar Es Salaam. 
NORMATIVE LOCALI RILEVANTI
Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga: il traffico di qualsiasi tipo di droga, incluse quelle leggere, è duramente represso dalla Polizia locale, che dispone di informatori ovunque. Le condanne inflitte dai tribunali per reati di droga sono pesanti ed i controlli della Polizia negli alberghi sono frequenti. All’aeroporto anche i bagagli dei viaggiatori della sala VIP possono essere ispezionati. E’ in corso una dura campagna contro il traffico di droga, con arresti anche tra cittadini stranieri.
L’omosessualità è un reato.
Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori: la legge locale è rigidissima; le condanne per violenza e pedofilia comportano pene da 20 anni fino all’ergastolo. La stampa riporta tali notizie con grande evidenza. 
Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese. 
In caso di problemi con le Autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) per la necessaria assistenza si consiglia di contattare l’Ambasciata o, per l’arcipelago di Zanzibar, i due corrispondenti consolari. 
I numeri telefonici e gli indirizzi mail si trovano nella sezione contatti Ambasciate e Consolati della presente scheda.

====>> A partire dal 1 agosto 2015 ai clienti che alloggiano al Karafuu Beach Resort & Spa ed al Diamonds Gemma dell'Est viene richiesta una tassa governativa locale da pagarsi in loco al momento del check out alberghiero di Usd 1 per persona per notte (infant 0-2 inclusi).  Dal 4 Luglio 2012 è stata modificata la Tassa di imbarco adulti e bambini 43 USD.

* si declina ogni responsabilità per le informazioni contenute in link esterni al sito Condor.it, tali collegamenti sono stati inseriti esclusivamente a titolo d'informazione aggiuntiva ma non costituiscono corpo del contratto di viaggio.